Una giornata speciale quella di martedì 21 e mercoledì 22 gennaio in cui gli alunni delle classi Terze delle scuole primarie del nostro Circolo, hanno trascorso in compagnia del bravissimo Alfonso Cuccurullo.

L'attore e narratore, collaboratore del progetto "Nati per leggere", ha lasciato a bocca aperta una platea di intrepidi ascolatori grazie a letture tratte dai libri "Ultimo venne il verme", o "Esercizi di stile". Risate coinvolgenti ha suscitato la lettura del testo "Telefono senza filo". Sono bastate poche battute che le "sue voci" hanno catturato totalmente i nostri bambini. Sono entrati in un mondo fatto di parole, di suoni, di silenzi, di immaginazione e di divertimento. La sua grande bravura nel dare un'anima a tanti personaggi, ha ipnotizzati tutti!Finita una storia si sentiva esclamare: - Ancora, ancora!-

Tra le tante domande i ragazzi hanno chiesto come fa a riuscire ad animare le storie che legge così verosimilmente con voci e rumori... Lui ha risposto che il segreto è... l'osservazione di ciò che accade intorno a noi ... nel quotidiano e l'amore alla lettura..

La lettura animata ha ottenuto quindi il coinvolgimento emotivo e motivazionale degli alunni risultando così un potente motore per la lettura intesa come attività libera, capace di porre il bambino in relazione con se stesso e con gli altri. 

Ed ora non  resta che aspettare il 5 e 6 marzo per il secondo tuffo nel mondo dei libri!

GRAZIE ALFONSO!!!!

 

Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo
Cuccurullo
Cuccurullo Cuccurullo