Copertina

Alunni sempre più “digitali” e “virtuali”, fra Didattica a distanza, smartphone, tablet ed accesso al Web.
Per questo motivo, a conclusione di un percorso interdisciplinare di educazione civica, gli alunni delle classi quarte hanno incontrato la Dott.ssa Faloia, sovrintendente della Polizia di Stato, Compartimento Polizia Postale di Perugia, per conoscere quali pericoli possono nascondersi nella Rete e cos'è il reato del Cyberbullismo.

Le raccomandazioni per chi si muove nel cyberspazio, che siano bambini o che siano adulti, sono sempre le stesse:  essere consapevoli che la Rete non è un mondo virtuale, poiché le nostre azioni on-line hanno conseguenze pienamente reali, e che si deve stare in guardia dai numerosi pericoli come i virus o i furti d'identità.

 

Consigli importanti per i più piccoli sono quello di navigare sempre con la presenza di un adulto , preferibilmente un genitore, e di non rivelare mai la proprià identità.

Per quanto riguarda il cyberbullismo, ovvero "qualunque forma di pressione, aggressione, molestia...realizzata per via telematica", è bene ricordare che sul Web ogni comportamento può essere tracciato e che ogni qualvolta una foto, un video o un post vengono pubblicati, rimarranno nella Rete  a "disposizione" di chiunque. 

Le parole d'ordine, quindi, sono attenzione e rispetto anche quando si è connessi e… prima di ogni ‘click’ o un ‘touch’, usare la testa!

 

miniatura Internetminiatura Deviceminiatura Furtiminiatura Domandeminiatura Domande 2